mercoledì 1 agosto 2012

Sformatini di zucchine e...il pranzo che aspettavo

Cucinare per qualcuno è una dichiarazione d'amore. 
E' per questo motivo che mi piace preparare piatti fatti su misura per le persone che amo.
Ed è talmente ovvio per me che sia così che non sono mai riuscita a dire a Lui che avrei voluto preparagli un pranzo per noi due. 
Sarebbe stato come sbattergli in faccia le parole "Ti Amo", e io sono troppo diffidente per fare il primo passo.
Come? Chi è "Lui" dite?
Lui=il tipo figo che appare una sera per caso e ti fa girare la testa. No, forse quello erano i gin lemon.
Riproviamo senza il filtro alcol:
Lui=il tipo non bellissimo ma affascinante che appare una sera per caso e ti fa girare la testa al punto che gli permetti di entrare nella tua vita.
No, ancora non ci siamo...
Lui= il tipo non bellissimo ma affascinante dalla parlantina sciolta che appare una sera per caso e ti fa girare la testa al punto che gli permetti di entrare nella tua vita salvo poi scoprire che era felicemente fidanzato e che lo sapevano tutti tranne te. 


Che stavo dicendo? Ah già, troppo diffidente :)

Caro Lui, questo post e questa ricetta sono dedicati a te. E scusa se me li pappo io, ma l'idea di prenderti per la gola cominciava a diventare sempre meno metaforica...

Ricetta di una facilità imbarazzante, ma buona buona. Se volete farvi una dichiarazione d'amore alla faccia di chi non vi merita, provatela.

Che poi Lui non era nemmeno un granchè. Tsè.




Sformatini di zucchine con salsa al leerdammer 


(per 5 stampini di alluminio)


5/6 zucchine di media grandezza
una cipolla bionda
olio
sale 
pepe
2 uova
50 gr di parmigiano
Besciamella preparata con
50 gr di burro
50 gr di farina
noce moscata; sale e pepe
300 gr di latte(all'incirca)

Salsa al lerdammer (o al formaggio che più vi piace)

100 ml di panna fresca liquida
40 gr leerdammer


Armatevi di frullatore, che questa è una ricetta "butto tutto dentro e via" :)
Facciamo saltare le zucchine in padella con un soffrittino di olio e cipolla (quando ce vò ce vò), aggiustando di sale e pepe e magari aggiungendo anche mezzo bicchiere di brodo vegetale (o acqua) se occorre.
Mettiamo da parte.
Facciamo la besciamella facendo imbrunire il burro con la farina a fuoco basso e poi aggiungendo il latte, (300 gr, più o meno, io vado a occhio) noce moscata, sale e pepe q.b., mescolando senza sosta per evitare i grumi-oh, io ve la scrivo la ricetta, ma la besciamella la sapete fare, no?- :)  .
Mettiamo da parte.
Adesso viene il bello: prendiamo l'amico frullatore, buttiamoci dentro le zucchine e frulliamo. Aggiungiamo la besciamella e frulliamo.
Il resto scommetto l'avete intuito: buttiamo le due uova e frulliamo, buttiamo il parmigiano e...no, vabbè mi rifiuto di ripeterlo :)
Aggiustiamo di sale e pepe e facciamo scaldare il forno a 180° statico. 
Ora viene la parte del duro lavoro: prendiamo 5 stampini di alluminio e rivestiamo l'interno di olio e pangrattato, in modo che non si appiccichino. Versiamo il composto negli stampi (quasi fino all'orlo) e inforniamo per circa 50 minuti.
Gli sformatini saranno cotti non appena si saranno gonfiati e vedrete i bordi staccarsi dallo stampo (non vi gasate, si sgonfiano non appena rientrano nell'atmosfera terrestre) :)
Facciamoli riposare 5 minuti e poi possiamo sformarli.
Nel frattempo prepariamo la salsina portando a bollore la panna e sciogliendoci il formaggio scelto precedentemente tagliato a dadini o grattato.
Ah, ho provato a farli anche con la besciamella light (senza burro) e il risultato è identico!!!

Da mangiare rigorosamente da soli ascoltando in modo ossessivo-compulsivo Respect a tutto volume ;)


Mela



7 commenti:

  1. strepitosi questi sformatini, mi hai fatto venire in mente che è da un bel pò che non mi cimento in preparazioni di questo tipo... ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Graziee! Beh, in effetti ci vuol coraggio ad accendere il forno :)

      Elimina
  2. Mmm... sembrano buonissimi! E poi io adoro le zucchine! Complimenti, inizerò a seguire il tuo blog e andrò a rileggermi le ricette indietro ;)

    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela! Grazie di essere passata...Per ora non ho un gran numero di ricette, anche io ho "aperto" da poco ;) Un abbraccio, a presto!

      Elimina
  3. Lui che è un muflone in cerca di harem.... lui lascialo perdere subito: certa roba meglio perderla che trovarla! E poi, che vuoi fare, vuoi vivere tutta la vita a guardarti le spalle.... o la testa per vedere se spunta qualcosa? Via via, meno male che ti sei confortata con queste delizie... alla facciaccia sua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah un muflone in cerca di harem :D In effetti rende bene l'idea! Già archiviato, il poveraccio :) Meglio mangiarsi due sformati da soli che dividerli con uno scemo :)

      Elimina